1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Progetto a tutela della salute degli sportivi

Prescrizione dell'attività motoria

 

La ricerca scientifica negli ultimi decenni ha raccolto una grande quantità di dati in base ai quali si può affermare in modo definitivo che l'attività fisica regolare e di intensità adeguata è un fattore di cruciale importanza per il mantenimento di un buono stato di salute e per la prevenzione di numerose malattie croniche non trasmissibili, con particolare riguardo alla patologia cardiovascolare.

 
corsa

Si può quindi oggi sostenere che l'attività fisica svolta con regolarità ed attenzione alle capacità individuali riduce la morbilità e la mortalità per diverse malattie di grande rilevanza socio-sanitaria, tra cui la cardiopatia ischemica, l'ipertensione, il diabete, l'obesità, l'osteoporosi, la depressione ed alcune forme tumorali. In quasi tutto il mondo la ridotta o assente attività fisica è una delle maggiori cause di morte, malattie e disabilità.

 
 

Lo svolgere un'attività fisica con regolarità ed intensità correlata alle proprie possibilità e condizioni di salute è quindi consigliabile a tutti, ma in particolare ai soggetti sedentari, tenendo conto che la tendenza alla sedentarietà comincia a manifestarsi fin dall'adolescenza per raggiungere il suo massimo nella terza età. I benefici di una regolare attività fisica interessano sia direttamente il singolo individuo che indirettamente la collettività; la sedentarietà ha infatti una notevole importanza nella diminuzione dell'autonomia delle persone e nell'insorgenza e/o aggravamento di numerose patologie croniche con conseguente ricaduta sui costi per l'assistenza sia sociale che sanitaria.

 

Tra gli effetti positivi dell'attività fisica è possibile annoverare, tra gli altri:

  • i sostanziali e duraturi miglioramenti della funzione cardiaca;
  • la regolarizzazione e stabilizzazione dei valori della pressione arteriosa;
  • la regolarizzazione del metabolismo lipidico e glucidico;
  • la normalizzazione del rapporto tra massa muscolare e massa adiposa;
  • il miglioramento del tono muscolare e della capacità di equilibrio;
  • gli importanti effetti benefici a livello psicologico, con miglioramento in particolare dell'umore e dell'auto-stima.
 

L'attività fisica, soprattutto quando viene esercitata all'aperto e ancor più quando si svolge a gruppi, contribuisce in modo rilevante all'integrazione sociale e alla socializzazione.

 

Attività fisica, esercizio fisico, sport

Attività fisica, esercizio fisico, sport sono locuzioni abitualmente utilizzate per riferirsi ad una vita attiva. Scientificamente, tuttavia, hanno un significato leggermente diverso. Il termine attività fisica comprende tutti i movimenti del corpo che comportano un dispendio energetico, incluse le attività quotidiane, le faccende domestiche, la spesa, il lavoro, fare le scale, ecc. L'esercizio fisico invece prevede movimenti ripetitivi, programmati e strutturati specificamente destinati al miglioramento della forma fisica e della salute; può comprendere attività come camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta, fare ginnastica aerobica ed anche gli hobbies di natura attiva, come il giardinaggio. Lo sport comporta situazioni competitive, strutturate e sottoposte a regole.

 
Partecipanti a un gruppo di cammino

L'esercizio fisico come farmaco

Sulla base di tali considerazioni fondate sui benefici che può trarre l'individuo da un sano stile di vita correlato ad una corretta alimentazione ed un programma adeguato di movimento è nata l'idea di proporre al personale sanitario la prescrizione dell'esercizio fisico come farmaco e di affidare alla figura professionale del laureato in Scienze Motorie la sua somministrazione in luoghi adeguati e sicuri.

 
 

L'introduzione dell'esercizio fisico nella pratica clinica e l'individuazione dei ruoli e delle professionalità chiave come attori principali della prescrizione e somministrazione richiede però la strutturazione di concrete modalità organizzative all'interno delle quali possano avvenire sia la prescrizione di attività fisica, personalizzata sulle caratteristiche del singolo, sia la sua somministrazione tutorata, attraverso percorsi che garantiscano il raggiungimento e il mantenimento nel tempo dei livelli di attività prescritta.

 

Gli indirizzi in Emilia-Romagna sulla promozione dell'attività fisica

La Regione Emilia-Romagna è da tempo impegnata sul tema della lotta alla sedentarietà e promozione dell'attività fisica: già nel Piano sanitario regionale 1999-2001 si affermava  l'importanza dell'attività fisica ai fini del miglioramento della salute dei cittadini. La Delibera n. 775/2004 indicava, tra i compiti dei Servizi di Medicina dello sport presenti in ogni Azienda Usl, la promozione dell'attività fisica nella popolazione generale e il recupero funzionale di soggetti affetti da patologie croniche non trasmissibili che possono beneficiare dell'esercizio fisico. Il Piano regionale della prevenzione 2010-2012, intende attuare programmi di prescrizione dell'esercizio fisico, rivolti a persone che presentano problemi di salute per i quali questo trattamento è di dimostrata efficacia (patologie sensibili), costruendo a tal fine percorsi assistenziali integrati, finalizzati a sperimentare modalità innovative di presa in carico di problemi di salute largamente diffusi nella popolazione.

 

Prescrizione dell'Esercizio

 

 

Per approfondire

Presentazione a cura di Gustavo Savino, Farmacologo, Medico dello sport

 
 

Lavori in Corso...